Canone per l'uso delle acque pubbliche

Si ricorda che tutti i titolari di concessione di derivazione d’acqua pubblica e i soggetti legittimati ad esercitare il prelievo di acqua pubblica nelle more del rilascio del provvedimento di concessione sono tenuti al versamento del canone annuo. A partire dall'annualitā 2017, la data entro cui effettuare il versamento č fissata nel 30 giugno di ogni anno.

Si riporta nella tabella sottostante un estratto del D.D.S. della Regione Lombardia n. 12793 dell’1 dicembre 2016, pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia – Serie Ordinaria n. 50 del 30 dicembre 2016, con indicate le principali tipologie d’uso delle acque e relativi canoni.

uso

tipologia

Importo

Potabile

Canone

2.307,73 €/mod

Canone minimo

384,64 €

Irriguo

Canone (senza restituzione di colature)

54,15 €/mod

Canone (bocca non tassata)

0,54 €/Ha

Canone minimo

38,32 €

Idroelettrico

Canone (piccole derivazioni)

15,73 €/kW

Canone minimo

138,47 €

Industriale

Canone (Q < 3 mc/s)

17.814,03 €/mod

Canone minimo

2.429,18 €

Piscicolo (ittiogenico) / Innaffiamento aree verdi

Canone

384,64 €/mod

Canone minimo

138,47 €

Zootecnico / Igienico / Antincendio / Autolavaggio / Lavaggio strade / Pompa di calore / Altro uso

Canone

1.153,83 €/mod

Canone minimo

138,47 €

Didattico

Canone

54,15 €/mod

Canone minimo

38,32 €

Il metodo di calcolo del canone č definito dall'atto di concessione e, in linea generale, č dato dal rapporto tra la portata concessa per ciascun uso e il relativo canone unitario; se l’importo risulterā inferiore al canone minimo definito per il relativo uso, il canone dovuto sarā pari al canone minimo indicato nella tabella, salvo eventuale triplicazione dello stesso nel caso sia stabilito dall’atto di concessione.

Per informazioni:
Servizio Acqua, Aria, Cave
Corso Vittorio Emanuele II, 17 - 26100 Cremona
Email: derivazioni@provincia.cremona.it

Inserita il giorno 01-03-2017 nella sezione "Uso dell'acqua"