Redatto il "Rapporto sul turismo in provincia di Cremona - anno 2017"

Turismo complessivamente in crescita: più arrivi e pernottamenti nella provincia

Turismo: senza ombra di dubbio il 2017 è stato un anno interessante, di crescita e sviluppo, sia in termini attrattivi che di offerte in termini di ricettività, eventi, fiere, crescente interesse mondiale per liuteria, arte, cultura e turismo slow.

Ne sono una prova il trend che segna un + rispetto agli arrivi come ai pernottamenti nel territorio provinciale, anche in relazione ai tanti eventi e manifestazioni culturali, rassegne musicali e fruibilità del territorio, dal Cremasco al Casalasco.

Per Cremona città, ma è giustificato dal fatto di una chiusura temporanea di una struttura alberghiera nel capoluogo, vi è un calo degli arrivi e pernottamenti, anche se le presenze all'Infopoint di Cremona sono cresciute rispetto al precedente anno (l’8% in più rispetto al 2016).

Aumentano le presenze straniere: + 41% dalla Cina, crescono le presenze di turisti Svizzeri, Statunitensi; calano invece quelli “tradizionali” provenienti dal contesto europeo (Francia, Spagna, Inghilterra).

CONSISTENZA DELLE STRUTTURE RICETTIVE

Nel mese di dicembre 2017 le strutture ricettive alberghiere ed extra-alberghiere della provincia di Cremona erano 231 (30 in più rispetto allo scorso anno), con 4.060 posti letto (102 in più rispetto allo scorso anno) e 1.994 camere (+ 23 rispetto al 2016). In generale i posti letto erano in media 18 per struttura. Le strutture alberghiere erano 43 (come lo scorso anno), con 2.278 posti letto e 1.221 camere; rappresentavano il 19% delle strutture ricettive e coprivano il 56% dell’offerta provinciale di posti letto (53 posti letto in media per struttura)

Le strutture extra-alberghiere erano 188 (30 in più rispetto allo scorso anno), con 1.782 posti letto e 773 camere; rappresentavano l’81% delle strutture ricettive e coprivano il 44% dell’offerta provinciale di posti letto (9 posti letto in media per struttura).

ARRIVI E PERNOTTAMENTI

Nell’ultimo anno nelle strutture ricettive provinciali si è rilevato un aumento sia negli arrivi (+7.582) che nei pernottamenti (+9.237), che prosegue il trend di crescita degli ultimi cinque anni: dal 2013 al 2017 gli arrivi sono aumentati di 32.040 (+18%) e i pernottamenti di 36.244 (+11%).

Nel corso del 2017 i clienti registrati negli esercizi ricettivi provinciali sono stati 207.965 ed hanno generato 361.609 pernottamenti, per una permanenza media di 1,7 giorni (in particolare 1,7 giorni sia per gli italiani che per gli stranieri). I mesi in cui si registrano più arrivi e pernottamenti sono quelli primaverili e autunnali. Settembre è il mese in cui sono stati registrati più arrivi (21.100) mentre ottobre è il mese in cui sono stati registrati più pernottamenti (36.769),

Nel 2017 i clienti arrivati nelle strutture ricettive provinciali sono stati 207.965, il 64% dei quali erano cittadini italiani (132.144) ed il 36% stranieri (75.821).

Rispetto al 2016, a fronte di un aumento complessivo degli arrivi del 4%, i clienti italiani sono diminuiti dell’1% (- 1.387) mentre i clienti stranieri sono aumentati del 13% (+ 8.969).

I pernottamenti registrati nelle strutture ricettive alberghiere e complementari della provincia nell’anno 2017 sono stati 361.609. Nel dettaglio, i pernottamenti dei cittadini italiani sono stati il 64% (230.822) e quelli dei cittadini stranieri il 36% (130.787). A fronte di un aumento complessivo dei pernottamenti (+3%), i pernottamenti dei cittadini italiani sono diminuiti del 2% (- 3.421), mentre quelli dei cittadini stranieri sono aumentati dell’11% (+12.658).

PROVENIENZA DEI CLIENTI STRANIERI
Nel 2017, circa due terzi dei clienti registrati nelle strutture ricettive provinciali erano italiani (64%) ed un terzo (36%) stranieri. I clienti stranieri provenivano per la maggior parte dalla Cina (41%) e, a seguire, dalla Germania (9%) e dalla Francia (7%). E’ doveroso precisare che l’83% dei clienti cinesi (25.660) registrati a livello provinciale, in realtà soggiornano una sola notte in una struttura del casalasco utilizzata come tappa intermedia per viaggi organizzati in Italia e in Europa.

Nel confronto con il 2016 si rileva che è proseguito l’aumento dei clienti di nazionalità cinese, di circa 9.700 unità; sono aumentati i turisti provenienti dalla Svizzera (+312) e dagli Stati Uniti (+333) e sono diminuiti i turisti francesi (-800 circa), inglesi (-400 circa) e spagnoli (-360 circa).

PROVENIENZA DEI CLIENTI ITALIANI

Nel 2017 quasi la metà dei clienti italiani proveniva dalla Lombardia (42%) e, a seguire, dall’Emilia Romagna (10%), dal Veneto (8%) e dal Piemonte (7%), a conferma che il turismo di Cremona è soprattutto un turismo di prossimità.

CREMONA

CONSISTENZA DELLE STRUTTURE RICETTIVE

Nel 2017 le strutture ricettive di Cremona erano 79 e rappresentavano il 34% del totale provinciale. Tra di esse, 10 erano strutture alberghiere e 69 extra-alberghiere.

ARRIVI E PERNOTTAMENTI
Nell’anno 2017 nelle strutture ricettive della città di Cremona sono stati registrati 59.903 clienti, l’82% dei quali (49.134) si è rivolto alle strutture alberghiere e il 18% (10.769) a quelle extra-alberghiere. I pernottamenti sono stati 122.661, il 67% dei quali nelle strutture alberghiere (82.741) ed il 33% nelle altre strutture (39.920). Il mese con più arrivi è stato settembre (7.314) e quello con più pernottamenti ottobre (15.366). Il mese con meno arrivi e pernottamenti è stato invece gennaio.

Rispetto al 2016 i clienti delle strutture ricettive sono diminuiti del 14% (-9.734).

Le ragioni di questa diminuzione sono probabilmente da ricercare nella chiusura, durante l’anno, di una struttura alberghiera che, con le sue caratteristiche, riusciva a soddisfare comitive di turisti molto numerose. A conferma di ciò si evidenzia la crescita degli arrivi, dei pernottamenti e dei posti letto disponibili, da ottobre in poi, coincidente con la riapertura della struttura.

Nel 2017 i pernottamenti nella città di Cremona rappresentavano il 34% del totale provinciale. Nel confronto con il 2016 i pernottamenti sono diminuiti del 6%, passando da 130.461 a 122.661.

Il 63% dei pernottamenti si riferiva a cittadini italiani (77.336) ed il 37% a cittadini stranieri (45.325).

I giorni di permanenza media dei turisti in città sono aumentati, passando da 1,9 a 2. In particolare, i giorni di permanenza media dei turisti italiani da 1,9 sono passati a 2,1 e quelli dei turisti stranieri da 1,8 sono passati a 2.

PROVENIENZA DEI CLIENTI STRANIERI

Gli stranieri arrivati in città provenivano per lo più dalla Germania (15%), dalla Francia (13%), dalla Svizzera (9%), dal Regno Unito (7%), dall’Austria (7%), dagli Stati Uniti (6%) e dalla Spagna (5%).

CREMA

CONSISTENZA DELLE STRUTTURE RICETTIVE

Nel dicembre 2017 le strutture ricettive di Crema erano 30 (+4 rispetto all’anno prima) e rappresentavano il 13% delle strutture provinciali

ARRIVI E PERNOTTAMENTI

Nel 2017 nelle strutture ricettive di Crema sono stati registrati 20.754 clienti, il 79% dei quali si è rivolto alle strutture alberghiere (16.425) ed il 21% a quelle extra-alberghiere (4.329).

I pernottamenti sono stati 43.118, il 73% dei quali si è registrato negli alberghi (31.574) ed il 27% nelle altre strutture (11.544).

I mesi con più arrivi e pernottamenti sono stati aprile, maggio, giugno e ottobre, mentre il mese col minor numero di arrivi e pernottamenti è stato dicembre.

A fronte di un aumento complessivo degli arrivi del 16%, i clienti di nazionalità italiana sono aumentati dell’ 11% (+1.353), mentre quelli stranieri sono aumentati del 26% (+1.456).

I pernottamenti sono aumentati del 15% ed in particolare i pernottamenti dei cittadini italiani sono aumentati del 6% (+ 1.353) e quelli dei cittadini stranieri del 30% (+ 4.192).

PROVENIENZA DEI CLIENTI STRANIERI

Gli stranieri arrivati a Crema provenivano per lo più dalla Francia (16%) e dalla Germania (15%).

CASALMAGGIORE

CONSISTENZA DELLE STRUTTURE RICETTIVE

Nel dicembre 2017 le strutture ricettive di Casalmaggiore erano 7 (come lo scorso anno) e rappresentavano il 3% del totale provinciale.

ARRIVI E PERNOTTAMENTI

Nel 2017 nelle strutture ricettive di Casalmaggiore sono arrivati 36.323 clienti, che hanno fatto registrare 44.674 pernottamenti. Aprile è stato Il mese con più arrivi e pernottamenti mentre il mese con meno arrivi e pernottamenti è stato gennaio.

I giorni di permanenza media sono stati 1,2 (1,6 per gli italiani e 1,1 per gli stranieri).

Nel 2017 gli arrivi a Casalmaggiore rappresentavano il 17% del totale provinciale, con un aumento, rispetto all’anno prima, del 27% (+ 7.620). Il 21% dei clienti erano italiani (7.499) ed il 79% stranieri (28.824).

Ii pernottamenti rappresentavano il 12% del totale provinciale. Su un totale complessivo di 44.674 pernottamenti, il 27% si riconduce a cittadini italiani ed il 73% a cittadini stranieri.

A fronte di un aumento complessivo dei pernottamenti, rispetto al 2016, del 13% (+5.264), i pernottamenti dei turisti italiani sono diminuiti del 15% (-2.217), mentre quelli dei turisti stranieri sono aumentati del 30% (+7.481).

Si evidenzia che, il costante aumento di turisti, rilevato per la prima volta nel 2015, è dovuto alla presenza di turisti cinesi che fanno tappa presso una sola struttura ricettiva, pernottando in media 1 notte durante viaggi organizzati per l’Italia e l’Europa.

PROVENIENZA DEI CLIENTI STRANIERI

Approfondendo il dato sugli arrivi dei turisti stranieri, si evidenzia che nel 2017 quelli di nazionalità cinese sono stati 25.660, l’89% degli arrivi di stranieri, con un aumento rispetto al 2016 di 7.981 unità (+45%).

Le caratteristiche dei turisti

Le elaborazioni seguenti sono il risultato dell’indagine condotta dagli addetti dell’Infopoint del Comune di Cremona sugli utenti più i loro accompagnatori, che nel 2017 sono stati 53.775 (l’8% in più rispetto al 2016), l’82% dei quali erano italiani ed il 18% stranieri.

Il mese con più visitatori è stato novembre, che ha attirato molti turisti, soprattutto italiani, per la tradizionale “Festa del torrone”, che ha fatto registrare 22.980 presenze, il 52% del totale annuo, seguito da aprile ed ottobre.

Il mese con più visitatori stranieri è stato invece settembre (1.523) seguito dai mesi estivi.

PROVENIENZA DEI TURISTI ITALIANI E STRANIERI

I turisti di nazionalità italiana provengono soprattutto dalla Lombardia (54%) e, a seguire, dall’Emilia Romagna (11%), dal Veneto (8%), dal Piemonte (6%), dalla Liguria (2%), dalla Toscana (2%) e dal Lazio (2%).

Analizzando nel dettaglio le provenienze per provincia, si nota che il 22% arriva dalla provincia di Milano, il 12% da Brescia, il 6% da Bergamo, il 4% da Verona, il 3% da Parma, da Torino, da Cremona, da Mantova e da Modena. Queste provenienze confermano Cremona come meta di un turismo di prossimità che ha origine soprattutto da province limitrofe o, comunque, dal nord Italia.

I turisti stranieri provengono per la maggior parte dalla Germania (20%) e dalla Francia (19%) e, a seguire, dalla Spagna (9%), dal Regno Unito (7%), dagli Stati Uniti d’America (7%), dalla Svizzera (5%), dal Giappone (4%), dall’Austria (3%), dal Belgio (3%), dai Paesi Bassi (3%) e dalla Russia (2%).

MOTIVO DELLA VISITA

Il 65% dei turisti intervistati ha indicato come motivo principale della visita l’”arte, la cultura e i relativi eventi”, seguito e dall’”enogastronomia, food experience e relativi eventi” (20%) e da “musica, teatro, spettacolo e relativi eventi” (11%).

MEZZO UTILIZZATO

Il mezzo più utilizzato per arrivare in città è stato il pullman (43%), in quanto molti turisti arrivano in città con gite organizzate, seguito dall’automobile (38%).

FONTI DI INFORMAZIONE

I turisti ricevono informazioni sulla città e i suoi eventi soprattutto internet (46%). Segue il passaparola di parenti o amici (30%).

GLI INGRESSI AI MUSEI PROVINCIALI

A completamento dell’analisi dei flussi turistici dell’anno 2017 vengono qui presentati i dati relativi all’indagine sugli ingressi ai musei del territorio provinciale. I dati sono stati raccolti direttamente presso i musei e si riferiscono agli ingressi mensili, con la differenza, se rilevata, tra visitatori italiani, stranieri e studenti. Nell’anno 2017 gli ingressi ai 19 musei considerati sono stati 180.143, in crescita rispetto all’anno precedente di circa 15.400 persone (+9%).

Analizzando gli ingressi ai musei degli ultimi cinque anni si nota un andamento annuale ricorrente che ricalca la stagionalità dei flussi turistici registrati anche nelle strutture ricettive: forte la presenza nei mesi primaverili, che diventa più debole nei mesi estivi, fino a riprendersi nei mesi autunnali.

Il maggior numero di presenze si registra nel mese di aprile (27.938) e il minor numero nel mese di agosto (7.833).

Osservando gli ingressi per Comune, si evidenzia come Cremona, con i suoi 5 musei, sia il Comune col maggior numero di visitatori, avendo totalizzato il 70% degli ingressi complessivi (126.219), l’11% in più rispetto all’anno prima. Seguono il Comune di Soncino (Rocca e il Museo della stampa) con 28.245 ingressi e il Comune di Casalmaggiore (Musei Diotti e Bijou) con 10.053.

Il museo che ha registrato il maggior numero di visitatori è stato il Museo del Violino con 66.424 ingressi, seguito dai Musei della Rocca e della Stampa di Soncino, con un totale di 28.245 ingressi, dal Museo civico di storia naturale di Cremona, con 25.167 ingressi e dal Museo civico “Ala Ponzone”, con 21.098 ingressi

STUDENTI

Nell’anno 2017, il 30% dei visitatori erano studenti. La maggior affluenza di studenti si è registrata nei mesi primaverili, solitamente preferiti dai viaggi di istruzione e nei mesi autunnali e invernali. In particolare nei mesi di maggio e marzo gli studenti sono stati più della metà dei visitatori: in maggio il 54% e in marzo il 53% del totale.

Tra i musei più visitati dagli studenti troviamo il “Museo del Violino” e il “Museo civico di Storia naturale” di Cremona e , a seguire, la Rocca sforzesca e il Museo della stampa di Soncino.

STRANIERI

I turisti stranieri che nel 2017 hanno visitato i 14 musei provinciali sono stati 21.544, il 15% del totale, con una presenza più marcata nei mesi estivi. Il 93% degli stranieri (circa 20.000 persone) ha visitato il museo del Violino ed il 5% il Museo civico “Ala Ponzone” di Cremona.

(indagine sull’utenza dell’Infopoint del comune di Cremona)Z

Per informazioni:
Ufficio Stampa - Provincia di Cremona
C.so Vittorio Emanuele II, 17 - 26100 Cremona
Tel. 0372406227
Email: ufficiostampa@provincia.cremona.it

Inserita il giorno 11-05-2018 nella sezione "Ufficio Stampa"