Incentivi assunzioni Giovani Genitori

In data 14/12/2015 l'Inps, con messaggio  n. 7376/2015 comunica che: "A seguito di accordo con il Dipartimento della Gioventù e del Servizio civile nazionale della Presidenza del Consiglio dei Ministri, è stata ripristinata la possibilità di iscriversi alla Banca dati dei giovani genitori per le persone che non abbiamo compiuto 36 anni e che abbiano almeno un figlio minore.
L’assunzione a tempo indeterminato, anche parziale, di lavoratori iscritti alla Banca dati dei giovani genitori comporta per le imprese la possibilità di godere di un incentivo di 5.000 euro, fino ad esaurimento delle risorse stanziate.

Per la disciplina dell’incentivo e le relative modalità di fruizione si rinvia alla circolare 115/2011 ed al messaggio 20065/2011 dell’Istituto.

Alla Banca dati si accede seguendo il percorso “Servizi on line”, “Accedi ai servizi”, “Servizi per il cittadino”, autenticazione con codice fiscale e Pin, “Fascicolo previdenziale del cittadino”, “Comunicazioni telematiche”, “Invio comunicazioni”, “Iscrizione banca dati giovani genitori”
  

AMMONTARE DELLA MISURA PREVISTA

Dote trasferibile pari ad euro 5.000,00 per ogni assunzione fino al limite di cinque assunzioni per ogni singolo datore di lavoro.

BENEFICIARI

  1. Giovani in possesso dei seguenti  requisiti:
    a)  età non superiore a 35 anni (da intendersi fino al giorno precedente il compimento del trentaseiesimo anno di età);
    b)  essere genitori di figli minori - legittimi, naturali o adottivi - ovvero affidatari di minori;
    c)  essere titolari di uno dei seguenti rapporti di lavoro:
         - lavoro subordinato a tempo determinato
         - lavoro in somministrazione
         - lavoro intermittente
         - lavoro ripartito
         - contratto di inserimento
         - collaborazione a progetto o occasionale
         - lavoro accessorio
         - collaborazione coordinata e continuativa.

    In alternativa al requisito di cui al punto c), la domanda d’iscrizione può essere presentata anche da una persona cessata da uno dei rapporti indicati; in tal caso è richiesto l’ulteriore requisito della registrazione dello stato di disoccupazione presso un Centro per l’Impiego.

  2. Datori di lavoro:
    Non possono usufruire della dote messa a disposizione del fondo nelle seguenti ipotesi:
    - se l'assunzione costituisce attuazione di un obbligo derivante dalla legge, dal contratto collettivo, da un contratto individuale;
    -se, nei mesi precedenti, il datore di lavoro abbia effettuato licenziamenti per giustificato motivo oggettivo o per riduzione di personale, salvo il caso in cui l¹assunzione sia finalizzata alla acquisizione di professionalità sostanzialmente diverse da quelle dei lavoratori licenziati;
    - se il datore di lavoro abbia in atto sospensioni dal lavoro o riduzioni di orario di lavoro, salvo il caso in cui l'assunzione sia finalizzata alla acquisizione di professionalità sostanzialmente diverse da quelle dei lavoratori sospesi o in riduzione di orario.
    - nel caso in cui il lavoratore sia stato licenziato, nei sei mesi precedenti l'assunzione, dalla medesima impresa o da impresa collegata, o con assetti proprietari sostanzialmente coincidenti.


N.B. Il datore di lavoro può ricevere tale agevolazione anche nell¹ipotesi in cui abbia già beneficiato di altri contributi e sgravi eventualmente previsti dalla normativa vigente.

COME ACCEDERE AL FONDO

Per il riconoscimento della dote è necessario iscriversi alla "Banca dati per l'occupazione dei giovani genitori", creata appositamente dall'INPS. Ci si iscrive collegandosi direttamente alla sezione dei servizi al cittadino del sito dell' INPS.

Pagina aggiornata al 04-02-2016