Rigenerazione urbana e territoriale

L’obiettivo della legge sulla rigenerazione (qui il link alle pagine di Regione Lombardia), che punta a promuovere gli interventi di messa in sicurezza, recupero ed efficientamento degli edifici, con particolare attenzione a quelli abbandonati, per riqualificare le aree dismesse e riconnetterle con il territorio circostante (legge regionale n. 18 del 26 novembre 2019, pubblicata sul BURL n. 48, Supplemento del 29 novembre 2019), è facilitare e rendere più convenienti gli interventi di rigenerazione urbana e territoriale e di recupero del patrimonio edilizio esistente, completando la strategia regionale per la riduzione del consumo di suolo.

In attuazione dell'articolo 1 della legge regionale 28 novembre 2014, n. 31 (Disposizioni per la riduzione del consumo di suolo e per la riqualificazione del suolo degradato), la Regione, in coordinamento con i comuni, le province e la Città metropolitana di Milano, cura, all'interno del Sistema Informativo Territoriale (SIT), la ricognizione degli ambiti nei quali avviare processi di rigenerazione, al fine di condividerne la conoscenza tra il sistema della pubblica amministrazione, degli operatori economici, delle professioni e dei cittadini, nonché di monitorare e aggiornare la definizione dei criteri di cui all'articolo 2, comma 1 bis della stessa l.r. 31/2014.';

I Comuni, una volta scelti gli ambiti, dopo aver approvato la loro individuazione con delibera di Consiglio Comunale dovranno fare richiesta di pubblicazione dell’avviso di individuazione delle aree della rigenerazione sul BURL (artt. 8bis e 13 della l.r. n. 12/2005).

La richiesta (modulo apposito scaricabile nella sezione allegati) dovrà essere inviata via PEC al nostro indirizzo istituzionale con allegata la delibera di consiglio di individuazione e lo shapefile relativo AR_RIG.shp che dovrà essere redatto secondo lo schema fisico della Tavola di Previsione di Piano e Carta del Consumo di Suolo .

Lo shp potrà essere preventivamente validato dai nostri uffici attraverso il  servizio di controllo preventivo

La documentazione (shp, relazione, tavole e delibera) dovrà essere caricata sul portale PGTWEB dal tecnico incaricato prima della richiesta di nulla osta . Al termine dell’operazione  il comune, via mail, comunicherà all’Ufficio SIT  l’avvenuta pubblicazione del documentale. Successivamente verrà rilasciato il nulla osta alla pubblicazione sul BURL

Allegati:

Pagina aggiornata al 15-02-2021