L'autorizzazione

I gestori dei nuovi impianti a ciclo chiuso per la pulizia a secco di tessuti e pellami, escluse le pellicce, e delle nuove pulitintolavanderie a ciclo chiuso, in cui si impiegano solventi, devono presentare alla Provincia, al Comune ed al Dipartimento ARPA competenti per territorio la domanda di adesione all’autorizzazione generale disciplinata dalla D.G.R.L. 23.12.2004, n. 20138 (i cui richiami al D.M. 16.1.2004, n. 44 devono intendersi sostituiti da quelli omologhi contenuti nell’art. 275 del D.Lgs. 3.4.2006, n. 152 e s.m.).

Non sono ammessi a questa disciplina gli impianti che utilizzano solventi lesivi dello strato di ozono stratosferico o preparati classificati, ai sensi delle rispettive frasi di rischio, come cancerogeni, mutageni o tossici per la riproduzione. Le adesioni all’autorizzazione in via generale di cui alla citata delibera regionale, ottenute prima dell’entrata in vigore del D.Lgs. 3.4.2006, n.  152, mantengono la loro validità.

L’autorizzazione in via generale disciplina sia la realizzazione di un nuovo impianto, sia il trasferimento di un impianto esistente, sia la modifica di un impianto esistente.

Allegati:

Pagina aggiornata al 18-11-2011