Rete Ecologica Regionale - RER

Rete ecologica regionale

La Rete ecologica regionale (RER) è costituita dalle aree regionali protette e dalle aree, con valenza ecologica, di collegamento tra le medesime che, sebbene esterne alle aree protette regionali e ai siti della Rete Natura 2000, per la loro struttura lineare e continua o il loro ruolo di collegamento ecologico, sono funzionali alla distribuzione geografica, allo scambio genetico di specie vegetali e animali e alla conservazione di popolazioni vitali ed è individuata nel piano territoriale regionale (PTR).

La Giunta regionale formula criteri per la gestione e la manutenzione della RER, in modo da garantire il mantenimento della biodiversità, anche prevedendo idonee forme di compensazione.

 

Verifica di compatibilità al PTCP

Le Province controllano, in sede di verifica dei PGT e delle loro varianti, l’applicazione dei criteri di cui sopra e, tenendo conto della strategicità degli elementi della RER nello specifico contesto in esame, possono introdurre prescrizioni vincolanti (vedi comunicato regionale allegato).

La RER è definita nei piani territoriali regionali d’area, nei PTCP, nei piani di governo del territorio comunali e nei piani territoriali dei parchi.

Per approfondimenti scarica la L.R.86/83 e vai alla sezione dedicata.

Pagina aggiornata al 09-01-2018