Disposizioni in materia di A.I.A.

La disciplina nazionale in materia di Autorizzazione Integrata Ambientale è contenuta nel titolo III-bis della Parte Seconda del Decreto Legislativo 03/04/2006, n. 152 (in seguito più volte modificato), in particolare negli articoli compresi tra 29-bis e 29-quattuordecies; tale provvedimento ha recepito la Direttiva 96/61/CE (comunemente conosciuta come Direttiva IPPC) e le sue modifiche. Alcune disposizioni relative all'A.I.A. sono tuttavia riportate negli articoli 5, 6, 7, 9 e 10 del Decreto medesimo. L'elenco delle attività soggette alla disciplina dell'A.I.A. è contenuto nell'Allegato VIII alla Parte Seconda del Decreto stesso (scaricabile in allegato).

Con l'art. 8, comma 2, della L. R. 11/12/2006, n. 24 la Regione Lombardia ha incaricato le Province della funzione di Autorità competente al rilascio, al riesame e all'aggiornamento dell'A.I.A., con esclusione per alcuni tipi di impianti (impianti per l'incenerimento di rifiuti urbani, gli impianti per la gestione dei rifiuti di amianto, impianti di carattere innovativo per la gestione dei rifiuti), che sono rimasti di competenza regionale ai sensi dell'art. 17, comma 1, della L. R. 26/2003.

La Regione Lombardia ha poi emanato varie disposizioni finalizzate assicurare il coordinamento e l'omogeneità nella concreta gestione dei procedimenti; in allegato a questa sezione sono scaricabili i provvedimenti più significativi (in grassetto nel testo).

Con Delibera di Giunta Regionale n. 8/8831 del 30/12/2008 sono state emanate indicazioni e procedure da seguire nell'iter autorizzativo, che rimangono tuttora valide limitatamente agli allegati D ed E (scaricabili dalla pagina A.I.A. industriali: procedure e modulistica di questa sezione);

Con Delibera di Giunta Regionale n. XI/4268 del 08/02/2021 sono stati rimodulati i criteri per la caratterizzazione delle modifiche.

Con Delibera di Giunta Regionale n. 9/4626 del 28/12/2012 (scaricabile dalla pagina Tariffe/oneri istruttori di questa sezione) sono stati definiti le modalità ed i criteri per la determinazione delle tariffe sia per le istruttorie dei procedimenti di Autorizzazione Integrata Ambientale, che per i controlli delle installazioni IPPC autorizzate.

Con Delibera di Giunta Regionale n. 10/5065 del 18/04/2016 sono state approvate le modalità per la redazione della Relazione di riferimento di cui all'art. 5, comma 1, lettera V-bis) del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152 ed è stata definita la disciplina della Verifica di sussistenza dell'obbligo di presentazione della Relazione di riferimento. I moduli da usare per la presentazione della Verifica di sussistenza o della Relazione di riferimento, con le istruzioni per la loro compilazione, sono accessibili dalle apposite pagine del sito regionale.

Con diversi atti regionali sono inoltre stati approvati vari documenti tecnici finalizzati a rendere omogenea l'applicazione in Lombardia delle conclusioni sulle BAT emesse dall'Unione Europea; tali "linee guida" vengono utilizzate dalle Autorità competenti per lo svolgimento delle istruttorie e per la redazione dei provvedimenti di A.I.A. La produzione di "linee guida" è ancora in corso, per cui le Autorità competenti, qualora non siano disponibili le conclusioni sulle BAT e/o le "linee guida", svolgono le funzioni istruttorie facendo riferimento ai Bref.

Alcuni importanti argomenti sono stati sviluppati dal competente Ministero con la sua circolare del 13 luglio 2004.

Pagina aggiornata al 22-02-2021