Palazzo Pignano - S.P. N.71 "SCANNABUE - VAILATE", Approvato il progetto di fattibilità tecnico-economia rotatoria

Costo dell'opera: 600.000 euro

Approvato il progetto di fattibilità tecnico-economica per la riqualifica a rotatoria dell’intersezione con la S.P. N.35 "PANDINO - CASALETTO VAPRIO" nel Comune di Palazzo Pignano.

“Un altro importante intervento sul fronte della sicurezza stradale è stato avviato nel territorio provinciale – hanno commentato il Presidente della Provincia di Cremona, Paolo Mirko Signoroni ed il consigliere provinciale, delegato alla viabilità, Matteo Gorlani - L’intervento prevede l’ammodernamento dell’intersezione tra la S.P. n. 71 “Scannabue – Vailate” e la S.P. n. 35 “Pandino – Casaletto Vaprio” in Comune di Palazzo Pignano. L’opera quota 600.000 euro ed è finanziata interamente da Regione Lombardia”.

Hanno continuato Signoroni e Gorlani:
“L’opera in progetto tende a migliorare l’efficacia dell’intersezione in termini di sicurezza per la circolazione, preservandone, al contempo, l’efficienza viabilistica, e si concreta nella realizzazione di una nuova intersezione a rotatoria, con assegnazione del diritto di precedenza ai veicoli circolanti nell’anello, in cui confluiranno oltre alla S.P. n. 35, la S.P. n. 71 a nord e la s.c. “Via Gian Battista Benzoni” a sud.
La nuova conformazione dell’incrocio permette altresì di collocare, sui sedimi residuali dell’intersezione non direttamente interessati dall’anello giratorio, gli attraversamenti e i tratti di connessione ciclabili della s.c. comunale per Palazzo Pignano con la nuova pista ciclo-pedonale, di prossima realizzazione, lungo il fronte nord della S.P. 35 in direzione Trescore Cremasco, rendendo più sicuro l’impegno dell’intersezione da parte dell’utenza debole”.

Nella fattispecie si ricorda come il Comune di Palazzo Pignano è situato a Nord-Ovest della città di Cremona ed è interessato dall’attraversamento di due strade provinciali: la S.P. n. 35, importante arteria stradale con direttrice est-ovest (Melotta), e la S.P. n. 71, con direttrice nord-sud, principale collegamento dell’abitato di Torlino Vimercati, situato a nord. Quest’ultima direttrice prosegue in direzione sud, dopo l’attraversamento, sulla strada comunale “Via Gian Battista Benzoni” fino all’abitato di Palazzo Pignano.
L'intersezione in argomento è attualmente costituita con un incrocio a raso con attribuzione del diritto di precedenza alla S.P. n. 35. La geometria dell’innesto è quella caratteristica degli incroci a “T” con sola goccia centrale spartitraffico collocata sia lungo la S.P. n. 71 a nord, sia lungo la s.c. “Via Gian Battitsta Benzoni” a sud, e priva di corsie di accumulo e di immissione per le svolte a sinistra.
L’intersezione distribuisce altresì il traffico locale diretto alle attività produttive/commerciali poste nelle immediate vicinanze. In particolare, lungo la via Gian Battista Benzoni a sud, su entrambi i lati e molto prossimi all’incrocio, risultano collocati due accessi carrai privati.

La conformazione geometrica attuale è tale da assicurare elevati livelli di servizio in termini di mobilità, ma non garantisce altrettanta sicurezza alla circolazione. Le traiettorie rettilinee in approccio all’intersezione consentono l’impegno della stessa da parte dei veicoli transitanti lungo la S.P. n. 35 ad elevate velocità, con rischio di pericolose collisioni con i flussi di traffico in attraversamento lungo la direttrice Torlino Vimercati - Palazzo Pignano. Da qui la necessità di tale intervento locale.

L’opera è progettata in conformità al D.M. 19.04.2006 “Norme funzionali e geometriche per la costruzione delle intersezioni stradali”, al Regolamento Regionale n. 7 del 24.04.2006 “Norme tecniche per la costruzione delle strade” ed all’Allegato n. 2 “Progettazione delle zone di intersezione” approvato con delibera di Giunta Regionale n. 8/3219 del 27.09.2006.
In aggiunta, le caratteristiche tecniche del progetto ripropongono i caratteri dimensionali e tipologici in uso da tempo presso la Provincia di Cremona per interventi di ammodernamento e riqualificazione similari e per i quali è stato possibile riscontrare positivi rapporti tra efficienza, funzionalità e sicurezza stradale.

Il finanziamento complessivo dell’opera, pari a 600.000,00, è interamente assegnato da Regione Lombardia con L.R. n. 9/2020, art. 1, c.10 – D.G.R. n. XI/6047/2022.

 

Per informazioni:
Email: ufficiostampa@provincia.cremona.it

Inserita il giorno 30-11-2022 nella sezione "Ufficio Stampa"