Richiesta di accesso civico generalizzato

L’ art. 5 comma 2 del D.Lgs. 33/2013, come modificato dal D.Lgs. 97/2016, delinea un’ulteriore tipologia di accesso (“accesso civico generalizzato”) ai dati e ai documenti detenuti dalle pubbliche amministrazioni ulteriori rispetto a quelli oggetto di pubblicazione, finalizzata a:

  • favorire forme diffuse di controllo sul perseguimento delle funzioni istituzionali
  • favorire forme diffuse di controllo sull’utilizzo delle risorse pubbliche
  • promuovere la partecipazione al dibattito pubblico.

La richiesta di accesso è gratuita, salvo il rimborso del costo effettivamente sostenuto e documentato dalla Azienda per la riproduzione di dati o documenti su supporti materiali.
Le domande non devono essere generiche, ma devono consentire l’individuazione del dato, del documento o dell’informazione per cui si chiede l’accesso.

La Provincia è tenuta a dare riscontro alla richiesta con un provvedimento espresso entro il termine di 30 giorni, termine sospeso fino al pronunciamento degli eventuali controinteressati, che hanno tempo 10 giorni dal ricevimento della comunicazione da parte degli uffici della Provincia per esprimersi.

In caso di diniego totale o parziale dell’accesso o di mancata risposta, il richiedente può presentare richiesta di riesame al Responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza, che decide entro il termine di 20 giorni.
 

Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Cremona
C.so Vittorio Emanuele II, 17 - 26100 - Cremona
Tel: 0372 406 248 Fax: 0372 406301
e-mail: urp@provincia.cremona.it
Pagina aggiornata al 15-01-2021