Classificazione Alberghi e Residenze turistico-alberghiere

Di cosa si tratta

La Provincia classifica le strutture alberghiere. La classificazione è obbligatoria per la presentazione della S.C.I.A. (Segnalazione Certificata di Inizio Attività) al  Comune di riferimento.
La classificazione alberghiera ha attualmente valenza quinquennale e viene successivamente confermata o modificata previa verifica di specifica documentazione, da acquisire a questo fine, e sopralluogo degli incaricati della Provincia  presso la struttura interessata.

Soggetti interessati

Le aziende alberghiere si distinguono in:

  • Alberghi, quando offrono alloggio prevalentemente in camere
  • R.T.A (Residenze Turistico Alberghiere), quando offrono alloggio in appartamenti costituiti da uno o più locali dotati di cucina.

Nella loro struttura, gli alberghi e le R.T.A. possono disporre sia di camere, sia di appartamenti, dotati di cucina o angolo cottura.
La tipologia di una struttura viene stabilita dalla prevalenza di camere o appartamenti (non posti letto), ed i servizi che la struttura deve garantire sono determinati dall’appartenenza all’una o all’altra tipologia. 

Cosa fare

I titolari di strutture ricettive alberghiere o di Residenze Turistiche Alberghire (R.T.A.) possono:

  • richiedere la classificazione (provvisoria e/o definitiva) per una struttura alberghiera o RTA di nuova apertura
  • richiedere la modifica di classificazione per una struttura alberghiera o RTA esistente
  • comunicare il cambio di denominazione (insegna) per una struttura alberghiera o RTA esistente
  • comunicare il cambio di capacità ricettiva e/o integrazione dei servizi per una struttura alberghiera o RTA esistente

Gli alberghi hanno l’obbligo di esporre in modo visibile il segno distintivo della classe assegnata, realizzato in conformità al modello stabilito dalla Regione Lombardia.
La documentazione da presentare andrà redatta compilando gli allegati a fondo pagina, distinti per tipologia di struttura ricettiva.

Apertura di una nuova struttura ricettiva alberghiera o RTA (Nuova classificazione)

Per aprire un nuovo esercizio occorre presentare domanda di apertura alla Provincia di Cremona.
Se l'esercizio è in costruzione e si vuole ugualmente chiedere l’autorizzazione all’apertura, si può chiedere una classificazione provvisoria.

La classificazione provvisoria ha validià 90gg e può essere presentata per l'invio della SCIA al comune ove è sita la struttura. La classificazione definitiva avverrà successivamente, a lavori ultimati, dopo il sopralluogo degli incaricati della Provincia.

Non appena in possesso del decreto di classificazione definitivo o provvisorio, il titolare della struttura ricettiva deve inoltrare alla Provincia, debitamente compilati, anche i modelli tariffe e dettaglio prezzi camere relativi alla propria tipologia (albergo o R.T.A.)  necessari alla predisposizione dei cartellini prezzi. Vedi Tariffe, capacità e  servizi delle strutture turistiche: adempimenti

Modifica di classificazione di struttura ricettiva alberghiera o RTA esistente

Se si ritiene che la struttura alberghiera possieda i requisiti per un cambio di categoria, si può presentare la domanda di riclassificazione.

Entro 60 giorni dalla presentazione della domanda, gli incaricati della Provincia effettueranno il sopralluogo. Se nulla osta, la Provincia provvederà al cambio di categoria, inviando copia del provvedimento all’Ufficio competente del Comune di riferimento.

Cambio di denominazione di struttura ricettiva alberghiera o RTA esistente

Il cambio di denominazione di struttura alberghiera va comunicato agli uffici della Provincia di Cremona mediante apposito modulo, debitamente compilato.

Cambio di capacità ricettiva e/o integrazione dei servizi per una struttura alberghiera o RTA esistente

Ogni modifica alla struttura successiva alla sua classificazione che non influisce sulla classe assegnata (es.: modifica capacità ricettiva, integrazione servizi, cambio ragione sociale ecc.) deve essere comunque comunicata per iscritto alla Provincia.

Tempi

Il procedimento  di classificazione si conclude entro 60 giorni dalla presentazione della domanda, completa di tutti gli allegati, decorsi i quali opera l’istituto del silenzio assenso.

Contro la classificazione è ammesso ricorso entro 30 giorni dalla notificazione del provvedimento.

Costi

  • Per istanze di classificazione (provvisoria o definitiva) o di modifica della classificazione per struttura esistente:

Una marca da bollo da € 16.00  da applicare alla domanda e una marca da bollo da € 16.00 da applicare al provvedimento richiesto.

Oneri di istruttoria come da seguente prospetto:

Rilascio classificazione alberghiera per strutture di nuova apertura o per strutture che chiedono di modificare la classificazione assegnata

550,00

Rilascio classificazione alberghiera provvisoria per strutture di nuova apertura

50,00

Rilascio classificazione alberghiera definitiva per strutture con classificazione provvisoria

550,00

Rinnovo classificazione alberghiera ai sensi dell'art.25 L.R.15/07

200,00

Modifica decreto di classificazione alberghiera

50,00

  • Per le comunicazioni di modifica della denominazione o cambio di capacità ricettiva e/o integrazione dei servizi per una struttura alberghiera o RTA esistenti:

Nessun costo.

Modulistica

La modulistica è scaricabile qui sotto oltre che sul sito www.provincia.cremona.it - sezione “I moduli della Provincia”.

Normativa

Legge Regionale n. 15/2007

Decreto Legislativo n. 79/2011 (Codice del Turismo)

Per informazioni:

Ufficio Strutture ricettive
C.so Vittorio Emauele II, n. 17 - 26100 Cremona

Orari di apertura al pubblico
da Lunedì a Venerdì dalle 9,00 alle 12,30
Lunedì e mercoledì anche dalle 14,30  alle 16,30

Referenti:
Gianna Manfredi – Tel. 0372 406.284 - fax 0372 406.301
E-mail: turismo@provincia.cremona.it

Allegati:

Pagina aggiornata al 20-11-2020